Concept

Gastronomia, Mar Mediterraneo e ambiente sono i tre cardini del progetto Cookin’Med.

La gastronomia va intesa in senso ampio come insieme di significati e pratiche solo in parte legate al cibo. Questa è un’attività legata a profondamente alla vita dell’uomo e quindi interdisciplinare per definizione.

Il mare. La maggior parte della superficie terrestre è coperta d’acqua (senza considerare le acque continentali come i laghi, i fiumi, ecc.), e questa presenza influisce non solo su numerosi fenomeni ambientali e climatici ma anche sulla cultura. Nei luoghi di mare si può riscontrare uno stile di vita e una cultura particolari ( è possibile individuare nelle culture marittime tendenze, abitudini e tradizioni simili in tutto il mondo: in questo senso si parla di “economia del mare”, di “architettura del mare”, poesia marittima e di “cucina del mare”…). Il mare dunque è un coefficiente essenziale nella determinazione delle attività di un luogo e di un popolo. In orticola modo questo avviene ornai da secoli per il Mediterraneo che ha dato un imprint fortissimo a tutti i paesi e tutte le civiltà che si affacciano su questo bacino. Mare Nostrum non è solo un’espressione linguistica ma è ciò che i romani aveva già codificato come un elemento familiare, una radice comune, la costante di qualsiasi variabile fondamentale tassello nella costruzione delle nostra cultura.

L’ambiente è ciò che ci avvolge, molto più chiaramente la radice inglese racconta, non a caso, questa dimensione con il termine environment . Le caratteristiche che questo ambiente assume, ovviamente plasmate dall’azione dell’uomo e delle sue civiltà, condiziona poi, in una relazione biunivoca, ciò che siamo e soprattutto ciò che saremo. Una tendenza, innegabile, della nostra epoca è quella rappresentata dalla globalizzazione, ovvero dalla “crescita progressiva delle relazioni e degli scambi a livello mondiale in diversi ambiti, il cui effetto principale è una decisa convergenza economica e culturale tra i Paesi del mondo”. Come risposta alle insidie e alle distorsioni insite nel fenomeno della globalizzazione, si stanno diffondendo pratiche e stili di vita che mettono in campo un ritorno alla dimensione locale. Teorie come il “Downshifting”, la “Decrescita felice”, il “Bioregionalismo”, lo “Slow Movement”, ecc… sono verone aggiornate di una dimensione a cui vorremmo tornare, non per volontà di nostalgia, ma con un preciso spirito di recupero e reinserimento di certi valori in un contesto moderno che spesso li travolge senza ricostruirli.

Cookin’Med vuole trovare nuovi modi per rinnovare e rinvigorire la sinergia tra questi elementi.